Arte e Cultura

Complesso Monastico di Santa Chiara (Chiesa, Monastero e Chiostro Maiolicato) - Napoli


La Chiesa e il Complesso Monastico di Santa Chiara furono edificati tra 1310 e il 1340 per volere di Roberto d'Angiò e della Regina Sancia nei pressi della cinta muraria occidentale, all'inizio del Decumano Inferiore (oggi Via San Biagio dei Librai o "Spaccanapoli").
La Chiesa fu originariamente costruita in forme "Gotiche Provenzali" da Gagliardo Primario, ma tra il XVII e il XVIII secolo fu ampiamente ristrutturata in stile Barocco.
Dopo i bombardamenti che la colpirono pesantemente nel 1943, e un incendio che la distrusse quasi internamente, è stata riportata all'aspetto iniziale con un restauro concluso nel 1953.
La facciata è sobria e imponente, con un grande "rosone" centrale.
Il campanile, separato dalla struttura, fu iniziato nel 1328, ma completato solo nel '500, quando fu dotato anche di cinque campane; queste, cadute per il bombardamento del 1943, furono rimesse al loro posto nel 1949.
L'esterno perimetrale si presenta in tufo giallo con pochi elementi in piperno che si evidenziano nel pronao a tre arcate ogivali, delle quali la più alta risulta quella centrale.
I contrafforti presenti nella fiancata sinistra, caratteristici del Gotico Provenzale, si alternano alle monofore ad archi acuti.
Nella facciata, inoltre, il rosone risulta unico in suo genere, racchiuso nell'ampio oculo nel quale ruotano sei cerchi tangenti tra loro che ne determinano altri cinque.
L'ampio portale in marmi rossi e gialli, posto al di sotto del rosone, è sormontato dalla decorazione sugli stipiti e dallo stemma della Regina Sancia.
L'interno è costituito da una sala rettangolare che misura 82 metri di lunghezza, 30 di larghezza e 46 di altezza, con dieci cappelle laterali per lato e la parete di fondo piatta con, in alto, due piccoli rosoni che danno luogo ad un fondale al centro del quale sono poste le tombe angioine.
Dietro l'altare maggiore campeggia il grande "Sepolcro di Roberto", lievemente danneggiato dai bombardamenti; opera dei fratelli Giovanni e Pacio Bertini, rappresenta la figura seduta del Re, ed è sovrastato da un'epigrafe attribuita a Francesco Petrarca ("cernite Robertum regem virtute refertum"), grande ammiratore del Sovrano angioino.
La nona cappella conserva la struttura Barocca, ed accoglie le sepolture dei Borboni: in particolare, la sontuosa tomba del Principe Filippo, primogenito di Carlo III, opera di Giuseppe Sanmartino (1777); di fronte a questa, è il sepolcro della venerabile Maria Cristina di Savoia, Regina di Napoli.
La prima cappella sulla sinistra, adiacente all'ingesso, ospita invece le spoglie di Salvo d'Acquisto, il carabiniere sacrificatosi, durante la Seconda Guerra Mondiale, per salvare un gruppo di civili innocenti dal rappresaglia nazista.
Adiacente alla chiesa è il "Coro delle Clarisse", che conserva l'originaria struttura trecentesca e resti degli originali affreschi attributi a Giotto e alla sua bottega.
Di notevole pregio nella Biblioteca, l'affresco della "Crocifissione" che Gennaro Pierro dipinse tra il 1769 e il 1773 e quelli rappresentanti scene di vita monastica.
Celebre è poi il grandioso "Chiostro Maiolicato" delle Clarisse: originariamente di matrice Gotica, questo fu trasformato nel 1742 da Domenico Antonio Vaccaro che ne rivestì la struttura e i ben 72 pilastri ottagonali di stupende "mattonelle policrome" in gusto Rococò, disegniate dallo stesso Vaccaro e realizzate dai "riggiolari" napoletani Donato e Giuseppe Massa.
I pilastri, intervallati da sedili, sono decorati con motivi a tralci di viti e glicini, che si avvolgono a spirale fino al capitello di sostegno del pergolato.
Sulle spalliere dei sedili, anch'essi maiolicati, sono rappresentati motivi agresti, marinari e mitologici.
Il Chiostro vede la presenza di due ampi viali interni che si incrociano al centro e da ampie aree a giardino, prevalentemente destinato ad agrumeto; come si intuisce anche dai temi delle decorazioni, all'epoca esso si caratterizzava più come giardino di delizie che come luogo semplicemente destinato al raccoglimento e alla preghiera.
Oggi un efficace rifugio per chi cerca un angolo di quiete e silenzio nel cuore della città.
Il 4 Agosto 1943 un fitto bombardamento si abbatté su Santa Chiara devastandone struttura e opere d'arte: l'immenso rogo bruciò incessantemente per cinque giorni.
A causa dell'alta temperatura i marmi calcinarono, le sculture si decomposero, molte tele ed affreschi furono totalmente distrutti.
L'opera di restauro, guidata dal francescano P. Gaudenzio dell'Aja, ha restituito l'edificio al suo antico splendore Gotico, ripristinandone il grande valore storico ed artistico.


IL MUSEO DELL'OPERA DI SANTA CHIARA

Anche se un recupero integrale dei tesori d'arte in Santa Chiara era impossibile molti frammenti in marmo ed in legno di capolavori di varie epoche hanno, tuttavia, trovato un'adeguata valorizzazione nelle sale del "Museo dell'Opera di Santa Chiara".
Per quasi cinquant'anni, infatti, tutto ciò che era stato possibile salvare dall'incendio è stato lasciato in stato di semiabbandono nei depositi del Complesso Sacro.
Il Museo dell'Opera di Santa Chiara, la cui apertura è stata inaugurata esattamente dieci anni fa, si propone come luogo di sintesi ideali tra le diversi componenti archeologia, storica, architettonica ed artistica insiste nel Complesso Monumentale.
Si struttura, infatti, i quattro sale, attraverso le quali si è cercato sd individuare le tappe salienti di una vicenda, molto complessa, sviluppatasi nel corso di quasi duemila anni di vita religiosa ed artistica: la "Sala Archeologica e Terme", la "Sala della Storia", la "Sala dei Marmi" e la "Sala dei Reliquari".
Nella Sala Archeologica sono esposte le testimonianze archeologiche più significative ritrovate nell'area di Santa Chiara, datate dal I al IV secolo d.C.; da qui si ha accesso all'area degli scavi, che hanno portato alla luce i resti di un edificio termale risalente ai primi secoli d.C., il quale rappresenta il più completo esempio di terme documentato per l'antica città di Neapolis.
E' costituito da una piscina, in un ambiente coperto, della quale si conservano anche la banchina e la scala di accesso per i bagnanti; dall'area su cui affaccia la piscina, forse destinata a palestra; dal settore degli impianti termali veri e propri, a livello di piano terra e sotterraneo.
Sono stati identificati un "laconicum" (ambiente utilizzato per "bagni" di aria calda), un "tepidarium" (per bagni di acqua tiepida) e altri ambienti la cui destinazione d'uso non è del tutto accertata, oltre a condutture per l'alimentazione dell'acqua.
Un grande ambiente in laterzio, in seguito riutilizzato come cisterna, è forse identificabile col "frigidarium" (per bagni di acqua fredda) o con un "ninfeo".
Nella Sala della Storia è illustrata la storia del Complesso Conventuale dalle origini all'assetto attuale, tra questi, due bellissimi vasi da fiori, unici superstiti di una serie numerosissima che Domenico Antonio Vaccaro aveva disegnato ad ornamento del celebre Chiostro Maiolicato.
Nella Sala dei Marmi sono raccolti frammenti di opere marmoree provenienti dalla Basilica, dall'annesso Monastero delle Clarisse e dal vicino Conventino dei Frati Minori, databili a partire dal XIV secolo: tra questi, lo splendido fregio (lungo circa 18 metri) con episodi della vita e del martirio di Santa Caterina d'Alessandria ed il pulpito trecentesco.
Nella Sala dei Reliquiari sono esposti imponenti paramenti sacri, ricchi reliquari del XVII e XVIII secolo, opere lignee di intensità espressiva, come l'opera di Giovanni da Nola (1520 ca.), l'"Ecce Homo", ed un frammento della "Sacra Famiglia", opera di un anonimo scultore del XVII secolo.
Il Museo dispone inoltre di una Sala Esposizioni dove sono state allestite diverse mostre, tra quali la mostra permanente "Sofferenza e Speranza", sui disastri della guerra nel mondo.
La gestione del Museo è stata affidata al Centro Francescano di Cultura "Oltre il Chiostro". (Gianmaria Romano)

Indirizzo
Napoli, Via Benedetto Croce 16

Orario
Tutti i giorni ore dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e dalle ore 15.30 alle ore 17.30
La Domenica e festivi dalle ore 9.30 alle ore 13.00

Prezzi
EUR 4,00 Adulti
10% di sconto con Campania Artecard

Come arrivare dall'Hotel
Dalla Stazione di Piazza Amedeo proseguire con la metropolitana della linea 2, direzione Gianturco, e scendere a Piazza Cavour (seconda fermata). Da Piazza Cavour imboccare Via Santa Maria di Costantinopoli arrivando fino all'incrocio con Via Benedetto Croce; proseguire, girando a destra, per circa 50 metri: il Complesso Monastico di Santa Chiara si trova Via Benedetto Croce 16.


Indietro

Offerte specialiRSS

Dal 30 novembre 2014 al 01 febbraio 2015 - A partire da 28.00 Euro

Offerte Last Minute: Speciale del Mese... Sconto 50%

Grazie a questa offerta speciale, se prenoti un soggiorno presso il nostro Hotel con almeno ...


Dal 08 settembre 2014 al 29 marzo 2015 - A partire da 34.00 Euro

Pinto Promo: il tuo soggiorno in Hotel al centro di Napoli ad un PREZZO ECCEZIONALE! Sconto dal 5% al 40%

Approfitta della nostra offerta per trascorre un breve soggiorno o un weekend nel cuore di ...


Vai alla lista completa

Membro di

nozio