Arte e Cultura

Napoli Sotterranea


L'affascinante viaggio per esplorare Napoli sotterranea inizia da Via Tribunali, all'altezza della Chiesa di San Paolo Maggiore nei pressi di Piazza San Gaetano.
E' qui, che dall'ingresso della sede dell'Associazione Napoli Sotterranea, scendendo lungo una scala realizzata nel tufo giallo, si snoda un insolito itinerario, di grande suggestione, a tratti rischiarato solo dalla debole luce delle candele.
Un'escursione nel sottosuolo cittadino che unisce il fascino dell'antichità romana al dramma dell'ultima guerra mondiale, una vera e propria città "inferiore", in cui regna un silenzio sovrannaturale del tutto in contrasto con il brulichio di suoni e di voci tipico della città partenopea.
Scendendo nelle cavità, fino a circa 30-40 metri al di sotto dell'attuale livello stradale, si sbuca in un'ampia zona a forma di campana, da cui innumerevoli passaggi e cunicoli si susseguono per chilometri, da Via Anticaglia a via San Gregorio Armeno, complice la millenaria stratificazione in tufo originata dall'attività vulcanica.
Lungo il percorso si ritrovano le vecchie cisterne dell'antico acquedotto romano.
Un'intricata rete di passaggi sotterranei di circa diecimila metri quadrati, scavati nella roccia per convogliare le acque provenienti dalle falde del Vesuvio e dalle sorgenti del Serino e distribuire, poi, in città, l'acqua potabile.
In tal modo, veniva assicurato, a coloro che risiedevano nei palazzi sovrastanti, di attingere l'acqua direttamente dall'interno delle abitazioni grazie al proprio pozzo di collegamento alle cisterne.
I primi manufatti di scavi sotterranei realizzati in tufo risalgono a circa cinquemila anni fa, quasi alla fine dell'era preistorica.
Furono poi i Greci, a partire dal 470 a.C., che, nel prelevare dagli strati inferiori grandi quantità di tufo, contribuirono a realizzare le prime trasformazioni della morfologia del territorio, dando inizio, così, alla nascita di quel mondo affascinante che è poi, ad oggi, la Napoli Sotterranea.
Inizialmente spinti da esigenze di approvvigionamento idrico, i Greci si dedicarono per lungo tempo alla realizzazione di veri e propri acquedotti costituiti da diverse cisterne sotterranee adibite alla raccolta di acque piovane.
Fu, successivamente, nell'apprezzare le caratteristiche di leggerezza e friabilità tipiche del tufo che decisero di adoperare il materiale di risulta, ottenuto dagli scavi, per la costruzione di cinte murarie, edifici religiosi ed abitazioni cittadine di quella che divenne, poi, la Neapolis del IV secolo a.C.
Sorprendenti oggi sono i palazzi di ogni grandezza ed importanza che sorgono immediatamente sopra la cava che ha fornito il materiale per la loro costruzione.
Risultano, infatti, eretti su caverne, di dimensioni direttamente proporzionali a quelle dell'edificio stesso, realizzate con il solo obiettivo di ottenere materiale edilizio a dimostrazione che, molto probabilmente, non esisterebbe la "Napoli di sopra" se non ci fosse stata quella "di sotto".
Durante il dominio romano l'espansione della città portò all'ampliamento dell'esistente acquedotto, cui, ovviamente corrispose un ulteriore incremento dell'estrazione del tufo dal sottosuolo.
Ad incidere in maniera determinante sulla sorte del sottosuolo napoletano intervennero, poi, tra il 1588 ed il 1615, alcuni editti che proibivano l'introduzione in città di materiali da costruzione, onde evitare l'espansione incontrollata della città.
Il popolo napoletano, per eludere le sanzioni e soddisfare la necessità di ampliamento urbanistico, pensò, così, di ricorrere all'estrazione del tufo sottostante la città, sfruttando i pozzi già esistenti, ampliando le cisterne destinate a contenere l'acqua potabile e ricavandone di nuove.
Fu solo nel 1885, dopo una tremenda epidemia di colera, che venne abbandonato l'uso del vecchio sistema di distribuzione idrica all'aperto e fu realizzato il primo acquedotto intubato, ancora oggi in funzione.
L'ultimo intervento sul sottosuolo risale alla seconda guerra mondiale, quando intorno al 1941-1943, per offrire rifugi sicuri alla popolazione, si decise di adattare le strutture dell'antico acquedotto alle esigenze dei cittadini.
Furono allestiti in tutta la zona del centro storico numerosi rifugi destinati a divenire ricoveri antiaerei, le canne dei pozzi furono trasformate in strette scale, le cisterne diventarono ripari antibombardamento.
Ancora oggi, sulle mura, si ritrovano graffite pagine di storia, nomi e immagini di personalità dell'epoca a testimonianza della vita trascorsa nel sottosuolo.
Al termine della guerra, per la mancanza di mezzi di trasporto, quasi tutte le macerie furono scaricate nei sotterranei.
Tuttora, infatti, parte di queste cavità non risultano raggiungibili poiché ostruite da detriti scaricati abusivamente nei pozzi che collegavano il soprassuolo al sottosuolo soffocando, in tal modo, l'enorme ricchezza che contraddistingue lo strato inferiore del territorio napoletano.
Solo dopo circa venti anni di scavi e di bonifica, grazie all'impegno di volontari e speleologi, è stato possibile riportare alla luce un tesoro straordinario che consente di vivere una pagina tanto inedita, quanto sorprendente, della storia di Napoli.


IL TEATRO ROMANO

Da non perdere è anche la visita che l'Associazione Napoli Sotteranea organizza al Teatro Romano sotterraneo.
A testimoniare la presenza di un teatro di epoca romana, nella zona nel cui sottosuolo si alternano i cunicoli e le cisterne della Napoli sotterranea, due massicce arcate che si incontrano percorrendo Via Anticaglia.
Si tratta di elementi, che, molto probabilmente, fungevano da strutture di rinforzo alla parte esterna del Teatro.
L'accesso del Teatro Romano è, in via del tutto singolare, ubicato non lontano da Via San Gaetano, all'interno di un "basso napoletano" sito in Vico Cinquesanti, il cui nome fu dedicato, pare nel '600, ai principali santi protettori della città dalla popolazione loro grata per la fine di una terribile pestilenza.
Dopo essere entrati nella tipica abitazione partenopea e dopo aver spostato il letto che si ritrova nel secondo ambiente, compare una botola in legno che, inaspettatamente, nasconde l'accesso del teatro.
Dalla botola una scala consente di arrivare in quella che era ritenuta fino a pochi anni fa una comune cantina e come tale utilizzata dall'inquilino del "basso" sovrastante.
Nell'osservare più attentamente l'opus reticolatum delle murature ci si rese conto che queste non sorreggevano altro che gli archi del proscenio di un antico Teatro che vide addirittura il debutto napoletano di Nerone.
Da qui, lungo un percorso seminterrato, diversi spazi, che lasciano facilmente intuire che ci si trova davanti ad una chiara testimonianza di quello che fu uno dei principali ed importanti teatri napoletani, salvo poi accorgersi di stare passeggiando sotto un corridoio che unisce le due ali di una comunissima abitazione popolare il cui balconcino fa addirittura da stipite alla porta d'uscita dal percorso sotterraneo.
Tale viaggio nel tempo incredibilmente termina in quello che, a prima vista, potrebbe sembrare uno dei tanti cortili che si affacciano tra i vicoli del centro storico della città. (Francesca de Gennaro)


ESCURSIONI GIORNALIERE - VISITE GUIDATE
Per conoscere tutti i dettagli del programma dell'escursione a Napoli Sotterranea invitiamo ad usare il link sottostante

Escursione Napoli Sotterranea


Indietro

Offerte specialiRSS

Dal 31 marzo 2014 al 02 giugno 2014 - A partire da 29.00 Euro

Offerte Last Minute: Speciale del Mese... Sconto 50%

Grazie a questa offerta speciale, se prenoti un soggiorno presso il nostro Hotel con almeno ...


Dal 31 marzo 2014 al 28 giugno 2014 - A partire da 39.00 Euro

Pinto Promo: il tuo soggiorno in Hotel al centro di Napoli ad un PREZZO ECCEZIONALE! Sconto dal 5% al 35%

Approfitta della nostra offerta per trascorre un breve soggiorno o un weekend nel cuore di ...


Vai alla lista completa

Membro di

nozio